Cenni Storici PDF Stampa E-mail
Domenica 03 Maggio 2009 16:14
 

Termoli nasce come primo nucleo abitativo su un promontorio che protendeva nel mare a circa 20m. sul livello del mare.

"Mi piace paragonarlo ad un pugno di una mano lambito dal mare".

Da sempre con due spiagge di "sabbia fine" che vanno l’una verso nord e l’altra verso sud dell’Adriatico.

Ha origini medioevali, anche se alcuni studi fatti a seguito di taluni ritrovamenti, lo hanno messo in dubbio.

L’impianto urbanistico della cittadella racchiusa da mura perimetrali presenta i resti di torri alcune delle quali ancora in buono stato come la Torretta belvedere, il Castello, le case di diversa tipologia, il vecchio Palazzo Vescovile e la Cattedrale che insieme testimoniano un’architettura federiciana della seconda metà del 1200.

Uno scavo archeologico del 1993/94 condotto nell’area di pertinenza della Cattedrale con il ritrovamento di materiale di vasellame di coccio, condotto dall’Arch. Luigi Marino, termolese di origine, docente presso la Facoltà di Architettura di Firenze e dalla Soprintendenza per i BB.AA. del Molise, ha ipotizzato un insediamento urbano nell’area centrale del B.V. già da circa 2.000 anni avanti Cristo.

Altri studi e ipotesi sono stati fatti sulle sue origini, sull’etimologia del suo nome, di eventuali terme presenti sul territorio, sulle varie invasioni (dai Goti, ai Bizantini, ai Longobardi ecc.).

Termoli pare abbia intrapreso scambi commerciali con la Dalmazia tra l’XI e il XII secolo, grazie anche ad una favorevole vicinanza con le isole Tremiti dove erano presenti i monaci benedettini.

Fu interessata a più riprese da terremoti e poi dalle guerre per la sua conquista che la danneggiarono non poco fino al 1240 circa quando Federico II di Svevia, per renderla inaccessibile dalla parte del mare a nord-ovest, la fortificò con solide mura e fece ricostruire il Castello denominato "Svevo". Anche i Turchi fecero la loro parte, e con invasioni a più riprese nel 1600 devastarono il Borgo ma soprattutto la Cattedrale.

Il 1847 segna per il Borgo Antico e per l’intera città l’inizio di una serie di trasformazioni seguite alla visita e alla conseguente autorizzazione di Ferdinando II di Borbone, a costruire fuori dalle mura.

Egli infatti definì il tracciato dell’attuale C.so Nazionale di tutta la maglia ottocentesca in cui si costruì successivamente.

Nel 1929 fu redatto il primo Piano di fabbricazione per la nuova espansone di Termoli a cui seguì nel 1973 il primo Piano Regolatore Generale a cui ancora si fa riferimento per l’edificabilità in attesa della redazione del nuovo P.R.G. che sembra essere in fase di definizione.

 

L'illustrazione è presa da "Bell'Italia" n°195 del 07/2002

 

 

Se volete approfondire la storia del Borgo Antico di Termoli vi consigliamo di contattare l'associazione Turismol che organizza visite guidate all'interno del Borgo. Sarà un'occasione unica per farsi guidare alla scoperta di uno dei borghi antichi più belli del basso Molise e della sua straordinaria storia.

 

turismol-ridotto

 

 

 

Come hai conosciuto l'Associazione?

Come hai conosciuto l'associazione?
 

Chi è on line

 8 visitatori online

Registrati

Registrandoti rimarrai sempre in contatto con noi



Grazie per la manifestazione del tuo affetto