PDF Stampa E-mail
Mercoledì 10 Luglio 2013 00:00

9° SAGRA DU SCESCILLE

...C'era una Volta....

Sabato 13 luglio, come da calendario, l'Associazione Amici del Borgo Vecchio aveva programmato la Sagra du' scèscìlle (nona edizione).
A tale proposito, sentiamo il dovere di scusarci con l'intera cittadinanza, i turisti e con i simpatizzanti tutti che ci seguono, perché quest'anno a causa di una circostanza a dir poco spiacevole per noi, l'Amministrazione Di Brino, nelle persone del Sindaco e dell'Assessore alla Cultura  e Turismo, ci hanno  tolto, nel mese di giugno, per la seconda volta, la sede operativa che la stessa Amministrazione circa due anni fa ci aveva dato a fronte dei locali dove attualmente è ubicato l'Ufficio Cultura (Belvedere alla Torretta).

In un periodo cruciale come questo, in cui bisogna programmare ed organizzare  nei particolari le attività da svolgere, l'Associazione si è ritrovata invece a gestire un trasloco! Anzi più che un trasloco un vero e proprio esodo dal Borgo!

E' sottintesa quindi, la impossibilità di organizzare alcun evento come ad esempio 'u scèscìlle ed anche vivere la strada. Due eventi  che richiedono un significativo impegno a lungo e medio termine.

In questa occasione vogliamo ancora una volta ringraziare gli artefici di questa mossa strategica perpetrata nei nostri confronti ma soprattutto per la grande concessione accordataci nel farci usufruire di una sede anche se di modestissime dimensioni, senza bagno e riscaldamento, pur non essendo, noi,"amici di turno" come ebbe a dire il Sindaco durante l'incontro avuto  con Rivoluzione Democratica, Rifondazione comunista e l'Associazione famiglie numerose (vedi art. Per una Termoli diversa dalla parte degli ultimi... pubblicato da Termolionline il 21 giugno scorso. Sulla sua intransigenza, invece, affinché tutto vada  (l'assegnazione della sede) " a chi ha le carte", vogliamo semplicemente ricordare, con l'umiltà di chi ha lavorato da 28 anni per Termoli e per il Borgo Antico, che la nostra Associazione è arrivata ad organizzare, con successo, fino a 8 manifestazioni solo nei due mesi estivi partecipando a riempire il Cartellone degli eventi estivi dell'Amministrazione comunale. Per cui riteniamo, così come quell'amico di turno pensò al momento della nostra richiesta, che avevamo sicuramente le "carte per poterla ottenere"... del resto bastava documentarsi per evitare di dire cose poco veritiere. Scusateci ancora! 
A presto!            Per l'Associazione

                                                                                                                Il Presidente
                                                                                                   Arch. Salvatore Marinucci

 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 19 Giugno 2013 00:00

Nota in risposta

al comunicato stampa dell'Amministrazione

circa la revoca della sede all'Associazione Amici del Borgo Vecchio

Pubblichiamo la nota dell'Amministrazione comunale in risposta alla Nostra lettera aperta. In calce alcune nostre precisazioni.

«Le critiche rivolte all’Amministrazione comunale dall’associazione Amici del Borgo Vecchio – dichiara Di Brino – appaiono strumentali e poco corrette. I vertici dell’associazione, infatti, nella foga di definirci prevaricatori e nello slancio teso ad attribuirci ogni tipo di insensibilità ed indifferenza, si sono dimenticati di dire che alla scadenza della convenzione, questa Amministrazione comunale ha prospettato alcune opzioni per il rinnovo. L’associazione, però, non ha accettato le alternative proposte. Ad un’attenta verifica, poi, quella che è stata definita come una sede dal forte valore simbolico, è stata trasformata dall’associazione a poco più che un magazzino. L’associazione dimentica, o finge di dimenticare, che grazie alla richiesta di liberare la precedente sede, dove poi è stato allocato l’assessorato alla Cultura e al Turismo, l’Amministrazione comunale, e quindi la comunità termolese, ha potuto ottenere un risparmio di oltre 130.000 euro per via della possibilità offerta dal conseguente trasferimento della sede del nostro Settore Urbanistica. E’ evidente, poi, che non c’è nessun ostracismo nei confronti di questa associazione che, tra l’altro, risulta l’unica a cui è stato garantito il privilegio di avere questa sede. Dato che questa Amministrazione ha dimostrato di avere a cuore le attività di tutte le associazioni termolesi, prospettiamo agli Amici del Borgo Vecchio la possibilità di lavorare per i loro associati e per il bene di questa città nella futura sede di Via Cina, dove stiamo realizzando una struttura deputata proprio a questo tipo di attività. Gli Amici del Borgo Vecchio potranno concorrere, come tutti gli altri, per l’occupazione di quella sede, nella speranza che non si ripetano accuse volgari e di basso profilo».

La nostra replica

Apprendiamo dagli organi di stampa locali la nota del Sindaco alla nostra lettera aperta, vogliamo però precisare alcune cose:

1) Al momento di richiederci verbalmente la Torretta attuale sede operativa dell'Associazione ci è stato proposto la sede del Castello Svevo o la Galleria Civica. Queste sedi non sono adeguate, non solo per la nostra Associazione ma crediamo per qualsiasi associazione di Termoli.

Il motivo è semplice: l'impegno e la responsabilità necessari per la conduzione di quei luoghi.

Vogliamo citare infatti ad esempio l'esperienza della Pro loco con le parole del suo presidente che, quando voleva riconsegnare la Galleria civica all'Amministrazione, ha affermato "Non ce la facciamo più, è un impegno troppo pesante, si sono accavallati troppi eventi, a questo punto diventa un lavoro, mentre noi facciamo volontariato" e poi ha aggiunto "non ce la facciamo a provvedere alla custodia delle opere che vengono esposte qui dentro, non riusciamo ad avere anche la responsabilità delle chiavi"

(articolo del 14/12/2011 www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=9715)

Inoltre riteniamo che il Castello Svevo l'unico edificio storico (civile) della città non dovrebbe essere affidato come sede a nessuno ma gestito e tutelato dalla stessa Amministrazione.

2) Non è corretto affermare che abbiamo ridotto l'ex archivio storico di Carlo Cappella ad un magazzino, come possono testimoniare anche gli organi di stampa intervenuti nella Torretta per la presentazione della mostra delle Paranze (aprile 2012). Nella Torretta infatti è presente un armadio stracolmo di documenti dell'Associazione relativi a tutte le attività svolte dal 1985 ad oggi e materiale turistico informativo. Inoltre è presente una scrivania con un computer ed alcune sedie di plastica impilate che sono usate durante le riunioni. La sede nel periodo invernale non è stata aperta al pubblico ma è stata utilizzata per le riunioni del direttivo e dei soci. Durante il periodo estivo invece la sede è aperta e distribuisce anche materiale di promozione turistica (per esempio il calendario dell'Estate Termolese e altro materiale informativo su Termoli e sulla Regione)

3) Nella lettera aperta dichiariamo esplicitamente che quando ci fu richiesto l'ex carcere al belvedere capimmo i motivi dell'Amministrazione volti al contenimento delle spese pubbliche e accettammo quella decisione, anche se probabilmente, sarebbero state possibili  altre soluzioni solo se l'Amministrazione fosse stata più aperta al dialogo. Quindi non è corretto affermare che "l'associazione dimentica, o finge di dimenticare, che grazie alla richiesta di liberare la precedente sede, dove poi è stato allocato l'assessorato alla Cultura e al Turismo, l'Amministrazione comunale, e quindi la comunità termolese, ha potuto ottenere un risparmio di oltre 130.000 euro ..."

4) Infine l'Amministrazione dimentica che la nostra Associazione contrariamente a tutte le altre realtà associative della città, è nata nel Borgo e per il Borgo e le sue attività sono state sempre concentrate in quel luogo. Pertanto ci sembra inverosimile una sede in altre zone della città. (Art. 2 e art. 3 dello statuto http://www.amiciborgovecchio.it/lo-statuto)

Riteniamo di fermarci qui per evitare inutili strumentalizzazioni che a noi non interessano e che comunque creerebbero inutili dissapori. Siamo certi però che i cittadini e quanti ci hanno seguito in questi anni conoscono l'Associazione e potranno valutare con obiettiva serenità il nostro operato.

Il Presidente

Arch. Salvatore Marinucci

 

Pubblichiamo infine due foto della citata conferenza stampa delle Paranze a dimostrazione che la sede non è un magazzino.

paranze1

paranze2

Tratte da www.informaticatermoli.it

 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 14 Giugno 2013 00:00

LETTERA APERTA
 
 
Per la seconda volta il Comune ci ha tolto la sede!
Con questo ultimo atto l'Associazione resta fuori dal Borgo!!!
Pubblichiamo la seguente lettera aperta.
 
 
L'Associazione Amici del Borgo Vecchio vuole comunicare ai soci, ai simpatizzanti e all'intera cittadinanza che a breve dovrà lasciare la sede operativa nel Borgo Vecchio in quanto richiesta dall'Amministrazione Comunale. 

La nostra Associazione nata nel 1985 é apartitica e non ha fini di lucro (art.2 dello Statuto). E' stata costituita 28 anni fa da un gruppo di giovani termolesi con lo scopo di promuovere e favorire la valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e urbano del Borgo Vecchio di Termoli ed ha sempre svolto attività di promozione sociale organizzando incontri, dibattiti, convegni, mostre, manifestazioni, collaborando con molte realtà culturali e anche con altre associazioni.

Dopo 28 anni di vita associativa, di lotte e di denunce per la salvaguardia del Paese Vecchio, pensavamo di poter meritare una sede all'interno del Borgo e invece in questi anni di Amministrazione Di Brino è stato fatto di tutto per allontanarci dal Borgo Vecchio. Per la nostra Associazione la sede all'interno del Borgo oltre ad avere un forte significato simbolico, rappresenta un punto di riferimento, di aggregazione e logistico indispensabile per la programmazione e l'organizzazione delle nostre attività.

Vogliamo brevemente ricapitolare gli eventi che hanno portato a quest'ultimo atto di revoca della sede.

Una delle prime azioni (primavera 2011) di questa Amministrazione nei nostri confronti è stata quella di richiedere l'ex carcere al belvedere, nostra sede in quel periodo. Capimmo le ragioni di quella scelta in quanto ci fu detto che i locali erano necessari per dislocarvi l'Ufficio Cultura del Comune nell'ottica del risparmio economico per le casse comunali. In quell'occasione ci fu offerta come sede la Pinacoteca (Galleria civica) in piazza S. Antonio. Quella sede non ci sembrò idonea in quanto in primo luogo venivamo allontanati dal Borgo ed inoltre perché le attività che vi si svolgevano e si svolgono non erano compatibili con le nostre. Saremmo di fatto diventati gli "uscieri" della Galleria Civica sobbarcandoci l'onere del mantenimento, della pulizia e della sorveglianza della stessa durante mostre e manifestazioni.

In quel momento l'unica soluzione ci parve quella di chiedere di usufruire della Torretta ex archivio storico di Carlo Cappella. Quella sede pur essendo piccola, sprovvista di servizi igienici e riscaldamento, rappresentava il giusto compromesso per mantenere quel contatto fisico e ideale con il Borgo. Nonostante tutto, abbiamo potuto continuare ad organizzare con grande sacrificio tutte le nostre manifestazioni.

Oggi, invece, non riusciamo a capire i "motivi istituzionali" che sono stati addotti per sottrarci nuovamente la sede. Ci è stato riferito infatti, che con molta probabilità, la Torretta verrà adibita ad info-point turistico. Questa attività svolta solo nei mesi estivi, a nostro avviso, poteva coesistere con la nostra Associazione, anzi saremmo stati ben disposti ad aiutare i ragazzi addetti. Infatti, vogliamo ricordare che negli anni passati, quando la nostra sede era ancora presso l'ex carcere e l'info-point era collocato al piano terra, abbiamo sempre fattivamente collaborato (gratuitamente) con gli addetti al servizio.

Per questo, siamo motivati a pensare che l'intento di questa Amministrazione e dell'Assessore alla Cultura e Turismo Cocomazzi fosse stato da sempre, fin dal loro insediamento, quello di allontanare dal Borgo la nostra Associazione. Sinceramente non ce lo saremmo aspettati da un sindaco che ha basato la sua campagna elettorale sulla "termolesità" e che invece, ancora una volta ha dimostrato che quelle erano solo parole al vento. 

Vogliamo ricordare all'Amministrazione Di Brino ed in particolare all'assessore Cocomazzi che le nostre manifestazioni hanno portato lustro, benefici ed onori soprattutto alla città di Termoli e di riflesso ai suoi Amministratori. La nostra Associazione infatti non guarda ai colori politici quando c'è da lavorare per Termoli. Un esempio su tutti è stata la celebrazione del 150° anniversario dell'unità d'Italia. In quell'occasione la nostra Associazione, senza ricevere alcun contributo pubblico, è riuscita ad organizzare un evento memorabile e suggestivo che ha coinvolto ed emozionato moltissimi cittadini, lasciando un ricordo indelebile a tutti i partecipanti. Nonostante questa ed altre rimarchevoli iniziative portate avanti da noi, ancora una volta, questa Amministrazione si è dimostrata noncurante, insensibile ed indifferente al meritorio ruolo che ha ricoperto e che ricopre la nostra Associazione nel panorama associazionistico e culturale della città di Termoli.

Ad oggi non sappiamo se, con un trasloco in corso, senza una sede operativa, e con l'animo fiaccato da questa ennesima prevaricazione e becera dimostrazione di potere, riusciremo ad organizzare i tradizionali ed immancabili appuntamenti estivi noti anche a livello nazionale. 

Nonostante le difficoltà contingenti, vogliamo ribadire che non rinunceremo mai alla nostra missione principale: quella di evidenziare i problemi ed il degrado che affliggono il Borgo Vecchio.

La nostra azione di denuncia sarà ancora più puntuale ed incisiva poiché non possiamo tollerare un'Amministrazione che non solo non vuole tentare di risolvere i problemi, ma addirittura ostacola chi in maniera costruttiva è portatore di una visione critica sempre nell'interesse del bene comune, della nostra città e della nostra storia.

 
 
Di seguito la comunicazione del Comune
 
lettera tor
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 28 Marzo 2013 00:00

Gli altari 2013... Le foto

Come promesso pubblichiamo le foto del nostro altare di San Giuseppe.

altari-2013-001
altari-2013-001
altari-2013-002
altari-2013-002
altari-2013-003
altari-2013-003
altari-2013-004
altari-2013-004
altari-2013-005
altari-2013-005
altari-2013-006
altari-2013-006

Per tutte le foto clicca QUI

 

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Ultimi Tweet

Come hai conosciuto l'Associazione?

Come hai conosciuto l'associazione?
 

Chi è on line

 24 visitatori online

Registrati

Registrandoti rimarrai sempre in contatto con noi



Grazie per la manifestazione del tuo affetto