Statuto PDF Stampa E-mail
Sabato 07 Febbraio 2009 19:38
 

Art.1 – E’ costituita in Termoli, con sede in via Duomo n.3 provvisoriamente, una Associazione denominata “AMICI DEL BORGO VECCHIO” disciplinata dalle norme del presente Statuto e da quelle del Codice Civile.

Potranno essere istituite sedi secondarie e succursali. La durata dell’Associazione è illimitata. Potrà essere deliberata la estinzione con l’osservanza delle norme del presente Statuto per l’impossibilità del funzionamento.

Art.2 – L’Associazione non ha fini di lucro ed ha lo scopo di promuovere e favorire la valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale, artistico, urbano del Borgo Vecchio della città di Termoli.

Art.3 – A tal fine la Associazione potrà intraprendere tutte le iniziative che riterrà adeguate per la attuazione  dello scopo sociale di cui all’art. precedente. Potrà quindi organizzare incontri, dibattiti, convegni, mostre, ecc., svolgere ricerche e studi sul Borgo Vecchio di Termoli e sul territorio locale, curare i rapporti con gli Enti e le Istituzioni che hanno competenze per gli interventi sul e nel Borgo Vecchio di Termoli.

Art.4 – Qualora lo si riterrà opportuno per il migliore conseguimento dei propri scopi, l’Associazione potrà avvalersi per le sue iniziative, di consulenti ed esperti nel campo artistico, storico, sociale, scientifico, tecnico.

Art.5 – Rientrerà altresì nei compiti dell’Associazione collaborare sul piano culturale ed operativo con altre associazioni, enti, società che abbiano scopi analoghi alla realizzazione dei programmi e di singole iniziative rientranti nei propri scopi.

Art. 6 – Sono soci di diritto i Fondatori. Potranno essere soci coloro che saranno ammessi a norma del seguente Statuto.

Art. 7 – L’ammissione dei soci avviene su presentazione di un socio ordinario, con delibera del Consiglio Direttivo e con il versamento di una quota associativa annua, stabilita, anno per anno, dal Consiglio Direttivo.

Art.8 – Si decade dalla qualità di socio per dimissioni volontarie o per esclusione deliberata dal Consiglio Direttivo qualora il socio abbia tenuto un comportamento contrario alle finalità dell’Associazione o per morosità nel pagamento della quota sociale.

Art.9 – Gli organi dell’associazione sono:

- l’Assemblea dei soci;

- il Consiglio Direttivo;

- il Presidente;

- il Collegio dei revisori dei Conti;

- il Collegio dei Probiviri.

Art.10 – L’Assemblea dei soci, si riunisce, anche fuori dalla sede sociale, in seduta ordinaria e straordinaria. In via ordinaria è convocata dal Presidente, almeno due volte all’anno. In via straordinaria è convocata su delibera del Consiglio Direttivo e su richiesta di almeno un quinto dei soci.

Le Assemblee sono valide in prima convocazione quando è presente la metà più uno dei soci, ed in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti.

Art.11 – Spetta all’assemblea eleggere:

a) il Consiglio Direttivo

b) il Collegio dei revisori dei Conti;

c) Collegio dei Probiviri;

d) deliberare su quegli argomenti riguardanti la vita associativa che vengono sottoposti al suo esame.

Art.12 – Il Consiglio Direttivo è composto da cinque membri eletti dall’assemblea.

I consiglieri durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Se nel corso del triennio venissero a mancare dei soci consiglieri, altri saranno cooptati dai membri del Consiglio Direttivo rimasti in carica, in ogni caso i 3/5 del Consiglio Direttivo deve essere composto dai soci fondatori.

Art.13 – Il Consiglio Direttivo elegge nel proprio seno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario.

Art.14 – Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’associazione.

Spetta al Consiglio Direttivo:

a) predisporre i bilanci da sottoporre all’assemblea dei soci;

b) predisporre il regolamento dell’Associazione.

Art.15 – Il Consiglio Direttivo si riunisce di regola ogni mese per discutere gli argomenti di sua competenza.

Potrà essere convocato, ogni qual volta, però, sia ritenuto necessario dal Presidente o da almeno tre consiglieri.

Art.16 – Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono deliberate con il voto della maggioranza assoluta dei consiglieri.

Art.17 – Il Presidente ha la rappresentanza sociale dell’associazione, la rappresentanza legale di fronte ai terzi e in giudizio, nonché la firma sociale. Convoca e presiede l’assemblea dei soci e del Consiglio Direttivo. In caso di mancanza o impedimento del Presidente, il Vice Presidente e in via subalterna il membro più anziano del Consiglio Direttivo ne assumono tutte le funzioni.

Art.18 – Il Collegio dei revisori dei conti è composto da tre membri effettivi e due supplenti eletti anche tra i non soci.

Art.19 – Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri e decide inappellabilmente tutte le eventuali controversie riguardanti la vita associativa.

Art.20 – Tutte le cariche sono gratuite e non danno diritto ad alcun compenso.

Art.21 – Il patrimonio è costituito:

a) da contributi associativi;

b) da contributi di enti o privati e da qualsiasi somma che a qualsiasi titolo sia devoluta all’Associazione.

Art.22 – L’esercizio finanziario si chiude il 31 dicembre di ogni anno. Alla fine di ogni esercizio verranno predisposti dal Consiglio Direttivo il bilancio consuntivo e quello preventivo del successivo esercizio.

Art.23 – Per quanto non espressamente previsto nel presente statuto si fa rinvio alle norme di legge vigenti in materia.

F.to in calce ed a margine dell’altro foglio: CAPPELLA Rocco Tommaso, Maria PANTALONE BALICE-Notaio.

 

Come hai conosciuto l'Associazione?

Come hai conosciuto l'associazione?
 

Chi è on line

 7 visitatori online

Registrati

Registrandoti rimarrai sempre in contatto con noi



Grazie per la manifestazione del tuo affetto